Categorie approfondimento: Tributario e fiscale
10 Luglio 2008

Tariffa di igiene ambientale: si applica l’IVA

Di cosa si tratta

Con la Risoluzione n. 250/E del 17 giugno 2008 l’Agenzia delle Entrate è tornata sul tema dell’IVA in materia di Tariffa di Igiene Ambientale, affermando che la tariffa ambientale è soggetta all’Iva; nell’altalenarsi di tesi sulla natura della TIA, si afferma che non è un’entrata tributaria, ma rappresenta il corrispettivo per lo svolgimento di un servizio.
Per detta ragione la TIA deve essere assoggettata all’Iva, con applicazione dell’aliquota agevolata del 10%, in quanto costituisce il corrispettivo per il servizio di gestione dei rifiuti solidi urbani. L’utente non è legittimato a chiedere il rimborso dell’Iva riferita alle annualità pregresse, in quanto, per il meccanismo applicativo dell’imposta, rimane estraneo al rapporto concernente il pagamento della stessa.
L’istanza derivava dal fatto che un utente del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi domestici, aveva rilevato che l’assoggettamento ad IVA della TIA consegue, come aveva già precisato l’Agenzia delle Entrate con risoluzione n. 25/E del 5 febbraio 2003, dalla qualificazione della tariffa quale corrispettivo del servizio di gestione dei rifiuti, e si chiedeva se l’orientamento interpretativo espresso dall’Amministrazione finanziaria restasse fermo o dovesse essere revisionato a seguito di quanto affermato di recente dalla giurisprudenza che ha individuato nella TIA “i caratteri preminenti e peculiari di una entrata di natura tributaria” (Cassazione, Sezione Tributaria, sentenza n. 17526 del 9 agosto 2007).
L’interpellante riteneva che il pensiero della citata risoluzione n. 25/E del 2003 andasse rivisto, atteso che la TIA ha natura di entrata di diritto pubblico e non costituisce il corrispettivo di una prestazione di servizi e quindi che la TIA non dovesse essere assoggettata all’IVA e che, per le annualità pregresse, potesse essere chiesto il rimborso dell’imposta versata.
L’amministrazione esordisce nella riposta con la declaratoria di inammissibilità dell’istanza in quanto il presupposto della stessa è che vi siano condizioni obiettive di incertezza sull’interpretazione di disposizioni normative di natura tributaria, da ciascun contribuente fatte valere in relazione a casi concreti e personali, ma, dato che l’istanza d’interpello è stata presentata da una persona fisica, vi sarebbe carenza di legittimazione in base al richiamato articolo 11 della legge n. 212 del 2000, che non si qualifica come soggetto passivo d’imposta agli effetti dell’IVA.
Ritenuto comunque opportuno pronunziarsi, l’Amministrazione ha dato un parere che non è produttivo degli effetti tipici dell’interpello di cui all’art. 11 della legge n. 212 del 2000, ma rientra nell’attività di consulenza giuridica secondo le modalità illustrate con la circolare del 18 maggio 2000, n. 99. La tariffa di igiene ambientale è stata istituita dall’articolo 49 del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22, (recante “Attuazione delle direttive 91/156/CEE sui rifiuti, 91/689/CEE sui rifiuti pericolosi e 94/62/CE sugli imballaggi e sui rifiuti di imballaggio ”) che ha contestualmente disposto la soppressione della previgente tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani (TARSU).
In seguito all’entrata in vigore del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 (recante “Norme in materia ambientale”), la disciplina della TIA è contenuta nell’art. 238 del medesimo decreto che definisce, al comma 1, la suddetta tariffa come il “corrispettivo per lo svolgimento del servizio di raccolta, recupero e smaltimento dei rifiuti solidi urbani”; l’articolo 238 dispone che è tenuto al pagamento della tariffa chiunque possegga o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte ad uso privato o pubblico e che la tariffa, applicata e riscossa dai soggetti affidatari del servizio di gestione integrata, è composta, oltre che da una quota fissa (“determinata in relazione alle componenti essenziali del costo del servizio, riferite in particolare agli investimenti per le opere ed ai relativi ammortamenti”), anche da una quota variabile che è espressamente rapportata “alle quantità di rifiuti conferiti, al servizio fornito e all’entità dei costi di gestione”, in modo che venga assicurata la copertura integrale dei costi di investimento e di esercizio relativi al servizio.
Riguardo alla natura giuridica della TIA e al regime fiscale applicabile agli effetti dell’IVA, l’Agenzia delle Entrate con risoluzione n. 25/E del 5 febbraio 2003 aveva chiarito, confermando l’orientamento già espresso con circolare n. 111/E del 21 maggio 1999, che la tariffa si configura “alla stregua di un corrispettivo”, nel presupposto che l’espletamento del servizio avvenga secondo le regole di diritto comune.
La citata risoluzione n. 25/E del 2003 ha, quindi, chiarito che la TIA deve essere assoggettata all’IVA con applicazione dell’aliquota agevolata del 10 per cento prevista dal n. 127-sexiesdecies della Tabella A, Parte III, allegata al decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633.
Con riferimento al quesito formulato, l’Amministrazione conferma l’orientamento già espresso con la citata risoluzione n. 25/E del 2003, anche alla luce della qualificazione normativa della TIA come “corrispettivo per lo svolgimento del servizio di raccolta, recupero e smaltimento dei rifiuti solidi urbani” operata dall’art. 238 del D. Lgs. n. 152 del 2006 e delle modalità di determinazione della tariffa, basate ai sensi del decreto, sulla quantità dei rifiuti conferiti dall’utenza, sul servizio fornito e sull’entità dei costi di gestione.
Per quanto concerne la sentenza della Sezione Tributaria della Corte di Cassazione n. 17526 del 2007 l’Amministrazione osserva che la sentenza, senza affrontare in modo specifico la problematica fiscale, ha affermato la natura tributaria della tariffa, sulla base, in primo luogo, della circostanza che le controversie in materia di TIA sono state devolute al giudice tributario dall’art. 3- bis del D.L. 30 settembre 2005, n. 203, convertito, con modificazioni, dalla legge 2 dicembre 2005, n. 248; per la giurisprudenza se il legislatore ha ricondotto la TIA nell’ambito del processo tributario, si deve presumere che abbia voluto riconoscerne la natura di entrata tributaria.
Al riguardo l’Ufficio ritiene che l’avvenuta devoluzione delle liti in materia di TIA al giudice tributario non possa valere, di per sé, come presupposto idoneo a definire la natura come prelievo di diritto pubblico e ad escluderne la natura di corrispettivo del servizio di gestione dei rifiuti, con conseguente inapplicabilità dell’IVA.
Prima dell’entrata in vigore dell’art. 3-bis del decreto-legge n. 203 del 2005, infatti, l’art. 2 del decreto legislativo 31 dicembre 1992, n. 546, nel prevedere che “appartengono alla giurisdizione tributaria tutte le controversie aventi ad oggetto i tributi di ogni genere e specie (…), compresi quelli regionali, provinciali e comunali (…)”, già recava una definizione della giurisdizione tributaria tale da ricomprendere tutti i prelievi tributari, ivi compresi quelli locali. Pertanto, se si ammettesse la tesi secondo cui la TIA ha natura tributaria, non si comprenderebbe la necessità dell’intervento legislativo, realizzato con l’introduzione dell’art. 3-bis del citato decreto-legge n. 203 del 2005, diretto a devolvere espressamente le controversie relative alla TIA alle Commissioni tributarie.
Ancora si osserva che la sentenza n. 17526 del 2007 motiva la natura di entrata tributaria della TIA affermando che la stessa non sembra presentare caratteri sostanziali di diversità rispetto alla tassa, atteso che “fondamento dell’applicazione della tariffa non è alcun intervento o atto volontario del privato”. Nella sentenza viene quindi affermato che la TIA non può qualificarsi come corrispettivo, in senso tecnico, di una prestazione liberamente richiesta, rappresentando, invece, “una forma di finanziamento di servizio pubblico attraverso l’imposizione dei relativi costi sull’area sociale che da tali costi ricava, nel suo insieme, un beneficio”.
Tale osservazione appare suscettibile di essere superata da successive pronunce della Corte di Cassazione, in particolare dalla sentenza delle Sezioni Unite n. 25551 del 7 dicembre 2007, nella quale viene affermato che “per la copertura dell’onere economico di una attività o di un servizio pubblico il legislatore (…) può sia ricorrere ad una tassa (…) sia utilizzare altri moduli estranei al regime fiscale (entrate non tributarie) in un’ottica più moderna di defiscalizzazione di taluni prelievi tributari e della loro sostituzione con tariffe, canoni o prezzi pubblici”. La sentenza sottolinea che occorre distinguere la “tassa”, che condivide la natura tributaria dell’imposta, da “canoni, (…) tariffe, (…) diritti speciali, (…) prezzi pubblici” che rientrano nella categoria delle “entrate patrimoniali extratributarie” e sono assoggettati al relativo regime, a prescindere dalla scelta operata dal legislatore di devolvere le relative controversie al giudice tributario.
Per le ragioni esposte l’Amministrazione non ritiene di poter condividere la soluzione interpretativa prospettata dall’istante e per completezza, per quanto riguarda la possibilità di presentare all’Amministrazione finanziaria istanza di rimborso dell’IVA applicata sulla TIA per le annualità pregresse, l’Amministrazione risponde che tale istanza sarebbe preclusa all’utente finale del servizio in quanto per consolidata giurisprudenza della Corte di Cassazione la disciplina in materia di IVA delinea la sussistenza di tre distinti rapporti giuridici “collegati, ma che non interferiscono fra di loro”, intercorrenti tra cedente (o prestatore) ed Amministrazione finanziaria – relativamente al pagamento dell’imposta – fra cedente (o prestatore) e cessionario (o committente) – in ordine all’esercizio della rivalsa – e fra cessionario (o committente) ed Amministrazione finanziaria – relativamente alla detrazione dell’IVA assolta in via di rivalsa.
Discende che solo il cedente o prestatore ha titolo ad agire per il rimborso dell’imposta nei confronti dell’Amministrazione finanziaria la quale, essendo estranea al rapporto fra cedente (o prestatore) e cessionario (o committente), non può essere tenuta a rimborsare direttamente a quest’ultimo quanto dallo stesso versato in via di rivalsa (cfr., Cass. 6419 del 22 aprile 2003); quindi l’utente finale del servizio, in quanto estraneo al rapporto concernente il pagamento dell’imposta, sarebbe privo della legittimazione attiva a chiedere l’eventuale rimborso dell’IVA all’Agenzia delle Entrate e ad instaurare – in caso di rifiuto espresso o tacito da parte dell’Amministrazione finanziaria – il giudizio relativo alla debenza del tributo innanzi al giudice tributario.
Ancora una volta va quindi segnalata la differenza degli orientamenti tra il fisco e la giurisprudenza attuali, il primo non aderendo alle conclusioni cui è pervenuta la Cassazione in quanto non ritiene determinante, al fine di definire la natura della tariffa e il conseguente trattamento ai fini Iva, la circostanza che le controversie in materia siano state devolute alla giurisdizione delle Commissioni tributarie.
La Risoluzione evidenzia che la Tia va considerata alla stregua di un corrispettivo per il servizio di gestione dei rifiuti solidi urbani e che deve essere assoggettata all’Iva con applicazione dell’aliquota agevolata del 10%.

(Visited 9 times, 1 visits today)