Categorie approfondimento: Societario, Approfondimenti Homepage
16 Marzo 2020

Superamento e modifica del contenuto dell’oggetto sociale

Per una Società in accomandita semplice abbiamo approfondito il tema della possibilità da parte dell’amministratore di concludere un accordo per la preposizione institoria di una unità locale, dove si aveva la coincidenza tra il preponente che era anche mandante nel contratto di agenzia già concluso.
Il rilievo mosso era dato dal fatto che la conclusione di quel accordo avrebbe comportato il superamento di quanto consentito dall’oggetto sociale. In verità a latere del tema che non ci appassiona in modo particolare e che diamo per esistente, è che approfondire un caso di invalida modifica dell’oggetto sta alla distinzione dei poteri che sono in capo agli amministratori e gli effetti dei loro atti.
Non è controverso in giurisprudenza che venga giudicato nullo l’atto dell’amministratore che, operando la cessione del solo ramo d’azienda senza preventiva autorizzazione dei soci, vada a realizzare l’impossibilità di perseguire l’attività prevista dallo statuto che da attività d’impresa divenga attività finanziaria o immobiliare qualora l’immobile rientri tra i beni del cedente e ritenga di locarli al cessionario.
La giurisprudenza considera il rapporto all’oggetto sociale come limite del potere gestorio, almeno nei rapporti interni alla società e salvo inopponibilità dell’atto compiuto in eccesso di poteri rispetto ai terzi, alla stregua delle sempre più energica barriera eretta dalle norme sui poteri di rappresentanza degli amministratori, in tal senso protettive della sicurezza delle contrattazioni, disposte dall’all’attuale art. 2384, comma 2, c.c.; e ciò al di là degli eccessi con cui in un caso (soggetto al testo previgente dell’art. 2384-bis c.c.) si è giunti a parlare di nullità dell’atto ultra vires compiuto dall’amministratore per ritenuta violazione di disposizioni imperative, anche di rango costituzionale, con conseguente irrilevanza anche della sua preventiva autorizzazione, pur se adottata all’unanimità dai soci.
Nella tradizionale prospettiva atti eccedenti l’oggetto sociale sarebbero quegli atti di disposizione che non si limitino all’esecuzione delle linee programmatiche statutarie, ma che vi apportino significativi mutamenti o esprimano scelte innovative ed esorbitanti, o comunque tali da modificare l’area di rischio imprenditoriale predeterminato nell’oggetto sociale, così da comportare e richiedere per la loro legittimità, una sostanziale modifica, diretta o indiretta, dell’oggetto sociale medesimo, e da devolversi allora alla competenza decisionale dell’assemblea, e in particolare dell’assemblea straordinaria, abilitata alle modificazioni dell’atto costitutivo; dipendendo dunque, anche la valutazione di spettanza specificamente delle operazioni circolatorie d’azienda al potere gestorio dal criterio discretivo della conformità all’oggetto sociale, e producendosi in difetto la personale responsabilità degli amministratori eccedenti i limiti dei loro poteri gestori, se non anche l’inefficacia dell’atto nei confronti dei terzi, stanti i noti limiti all’opponibilità nel loro confronti del vizio.
Nel caso di eccedenza rispetto all’oggetto sociale, e salva l’ipotesi di conformità della circolazione di azienda alla gestione corrente di società aventi proprio un oggetto che espressamente la contempli, anche al fine dell’applicazione del ragionevole obbligo della previa comunicazione all’assemblea, in cui si trovano gli autori dell’iniziativa e del relativo investimento, di operazioni come quelle trattate, idonee in certi casi ad alterare le basi condivise di rischio, si pone ineludibile all’interprete la necessità di una valutazione di pertinenza fra la proiezione imprenditoriale della vicenda circolatoria di azienda e la logica di impresa in cui la stessa si attui; lasciando, in caso di esito negativo di tale valutazione, che il potere del gestore lasci spazio alla possibilità di espressione della voce e delle scelte dei titolari ultimi dell’iniziativa imprenditoriale, cioè i soci.

(Visited 1 times, 1 visits today)