26 Novembre 2017

Immobili già oggetto di voluntary disclosure

Aderendo all’opportunità di beneficiare della voluntary disclosure, molti hanno ritenuto di avere risolto ogni tema che derivava dai precedenti illeciti fiscali.
Nel caso di fabbricati di proprietà del contribuente possiamo distinguere due situazioni base: immobile all’estero e immobile in Italia.
Una volta sistemata la situazione degli immobili all’estero e ricondotta la titolarità al proprietario sostanziale possiamo pensare che altro non si ponga come problema se non continuando a dichiarare la condizione nel modello RW.
Per gli immobili in Italia si possono prospettare problematiche che non si erano considerate. Una volta eseguita la V.D. potremmo trovarci con un veicolo estero (per esempio per la Svizzera avendo utilizzato una Società Anonima) che ha cessato la sua funzione di garantire l’anonimato.
Si può allora porre l’alternativa tra procedere a intestarsi il bene o convertire in società italiana la struttura estera.
Un caso si è posto dove la scelta, che già aveva compiuto il cliente, è caduta sulla seconda alternativa e l’effetto è stato di avere ricevuto dall’Agenzia delle Entrate un avviso di liquidazione di imposta il cui fondamento si baserebbe sulla riqualificazione dell’atto quale conferimento.
In concreto chi aveva fatto ricorso alla V.D. prima avrebbe ceduto una piccola quota della società estera a un altro soggetto perché la forma societaria venisse conservata; non facendo questa operazione di cessione strumentale non si sarebbe poi avuto una società da fare trasmigrare all’ordinamento italiano. Invero la società a socio unico è riconosciuta in Italia e in altri paesi.
Fatto questo, si è proceduto a fare un atto notarile con il quale si è tenuta l’assemblea straordinaria della società per procedere a trasferire la sede sociale in Italia con conseguente mutamento della lex societatis e riconducendo la società alla forma italiana di società semplice.
All’atto si allegava lo statuto nel quale era disposto il trasferimento della sede in Italia, la cancellazione successiva dal Registro estero, la modifica in società semplice e la modifica parziale dello scopo sociale.
Dopo il deposito in Italia era previsto che la società sarebbe stata iscritta al registro delle imprese in Italia. Fatta l’operazione di deposito in Italia, la società ancora all’estero avrebbe dovuto espletare le formalità estere costituite dal consenso alla cancellazione da parte dei creditori e l’ottenimento del consenso all’autorizzazione alla cancellazione all’estero da parte delle autorità fiscali estere.
Con atto successivo un notaio procedeva a redigere atto di deposito di documento, costituito dall’atto di trasferimento dall’estero all’Italia, perché con questo si potesse procedere a eseguire il deliberato trasferimento con cancellazione della società all’estero e iscrizione nei registri italiani della figura sociale di società semplice.
L’Agenzia delle Entrate ha ritenuto con la disamina dell’atto che in luogo di un trasferimento si fosse di fronte alla costituzione di un soggetto giuridico nuovo con compagine sociale diversa dalla società di provenienza e con un nuovo statuto sociale.
L’Agenzia delle Entrate con l’avviso di liquidazione ha disconosciuto la “continuità” giuridica della società al fine di sottoporre ad imposta quello che ritiene un conferimento alla nuova società. La riqualificazione dell’atto quale conferimento verrebbe operata in forza dell’art. 20 del D.P.R. n. 131/1986 T.U. Registro, che dispone, sotto la rubrica “Interpretazione degli atti”: “L’imposta è applicata secondo la intrinseca natura e gli effetti giuridici, degli atti presentati alla registrazione, anche se non vi corrisponda il titolo o la forma apparente”.
In forza di questo l’Ufficio ha proceduto alla qualificazione di “atto costitutivo di nuova società con contemporaneo conferimento di immobili da parte della socia di maggioranza”.
Superfluo dire che si procederà ad introdurre ricorso avverso il provvedimento i cui esiti verranno comunicati attraverso questo sito.

(Visited 1 times, 1 visits today)