23 Gennaio 2017

La dichiarazione di successione on line

I contribuenti potranno presentare la dichiarazione di successione on line, così come la domanda di volture catastali, grazie ai servizi telematici delle Entrate dal 23 gennaio 2017. È diventato disponibile un applicativo sul sito internet dell’Agenzia, con il quale installare sulla postazione di lavoro il software di compilazione, compilare il file, allegare i documenti, salvare, accedere ai servizi telematici ed inviare.
Diventa possibile vedere a video la dichiarazione presentata non solo sul cassetto fiscale del dichiarante, ma anche in quello dei coeredi e dei chiamati.
Il nuovo modello di successione e domanda di volture catastali è stato approvato con un Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate e va nella direzione della semplificazione degli adempimenti amministrativi; l’uso di questo sistema è opzionale fino al 31 dicembre 2017 e diventerà obbligatorio dal 1° gennaio 2018.
La vera novità è rappresentata dal fatto di avere dato la possibilità di effettuare le volture catastali in modo automatico, senza necessità di ulteriori adempimenti, e rendere le dichiarazioni sostitutive di atto notorio mediante la compilazione di specifici quadri del modello, invece di allegare ciascun documento.
Il calcolo delle somme da versare sarà automatico in autoliquidazione, dovute per le formalità ipocatastali, e pagare le somme dovute mediante addebito sul conto corrente.
Dall’altra parte con questo nuovo processo vi è anche la funzione, a disposizione degli uffici territoriali dell’Agenzia, di visualizzare le dichiarazioni di successione inviate telematicamente da tutti contribuenti, e quindi la possibilità per i contribuenti di richiedere le copie conformi della dichiarazione presso qualsiasi ufficio dell’Agenzia.
Il software per la dichiarazione è disponibile gratuitamente per il download sul sito internet delle Entrate. La dichiarazione può essere presentata tramite i servizi telematici dell’Agenzia, utilizzando le proprie credenziali di accesso, oppure tramite un intermediario abilitato o un ufficio territoriale dell’Agenzia delle Entrate competente per la lavorazione.
Tutti i documenti utili alla dichiarazione dovranno essere allegati al modello in formato PDF/A o TIFF.
Resta comunque la possibilità di usare il sistema cartaceo fino a fine anno, alternativa che poi cessa.

(Visited 1 times, 3 visits today)