Categorie approfondimento: Commerciale e industriale
20 Luglio 2013

Appalti: responsabilità solidale per fisco e previdenza

Di cosa si tratta

Il c.d. “Decreto Fare” del 21 giugno 2013, n. 69 è intervenuto in materia di solidarietà delle obbligazioni fiscali e contributive negli appalti tra committente ed appaltatore, normativa che era entrata da poco introdotta; l’intervento del Decreto si limitava alla soppressione della solidarietà per l’erario per le sole ritenute fiscali sui redditi da lavoro dipendente e sull’iva per le prestazioni collegate.
Era stato soppresso, infatti, l’articolo 35 del D.L. n. 223/06 (commi da 28 a 28 ter), che aveva istituito la disciplina della responsabilità solidale tra committente, appaltatore e subappaltore.
Restava sempre valida la responsabilità solidale nei confronti degli obblighi previdenziali ed assicurativi.
Allo stato e nel breve tempo di validità delle norme, l’appaltatore e il committente erano obbligati a richiedere all’appaltatore e al subappaltatore tutte le documentazioni attestanti la propria regolarità fiscale, obbligo al quale le imprese dovevano a loro volta adempiere per poter ricevere i pagamenti. Il complesso meccanismo che abbiamo cercato di descrivere (nel sito: “ Appalto privato: la responsabilità del committente per previdenza ed assistenza”), si inceppava nelle procedure amministrative portando a ritardi soprattutto a danno delle imprese.
La normativa era stata istituita per contrastare il lavoro in nero e l’evasione fiscale, ma si era rivelato invece un vero problema operativo per amministrazioni ed imprese a causa degli oneri che imponeva. La difficoltà per i committenti appaltanti risiedeva soprattutto nel verificare che le imprese avessero correttamente adempiuto ai propri obblighi fiscali.
Ma non si è trattato dell’unica modifica che riguarda il mondo degli appalti. Nel decreto del fare sono previste novità anche in ambito Durc, che potrà essere acquisito in via informatica ed avrà validità di 180 giorni dalla data di emissione.
Pare ora che un emendamento al “Decreto Fare” vada a comportare l’abrogazione integrale. Un emendamento alla legge di conversione del Decreto Fare presentato e accolto dalla Commissione Finanze prevede l’abrogazione integrale della solidarietà sia fiscale che contributiva nell’ambito degli appalti.
Nel testo allo stato approvato dalla Commissione si ripristina la formulazione originaria contenuta nella prima versione del Decreto, che cancellava la solidarietà negli appalti tra committente e appaltatore sia per l’Iva che per le ritenute.
Attenzione quindi alla conversione del Decreto.

(Visited 10 times, 6 visits today)